WELCOME KAYAKERS ON ALPIN ACTION TEAM BLOG

OUR PHILOSOPHY IS TO SEARCH AND TEST THE BEST AND MOST DURABLE EQUIPMENT, THE GOAL IS TO DISCOVER, LEARN AND SHARE JOIN US AND SHARE YOUR OPINION, WE WILL DO OUR BEST TO ANSWER TO ALL OF YOUR QUESTIONS. WE LOVE KAYAKING, AND WE ARE HERE TO COOPERATE WITH YOU TO SEARCH THE BEST SOLUTION FOR YOUR GEAR!

KAYAK IS FUN AND WE DON`T WANT TO MAKE THINGS TOO SERIOUS, BETWEEN QUESTIONS AND ANSWERS WE WILL SHOW VIDEOS, PHOTOS, TEXTS AND UPDATES FROM ALL THE WORLD OF KAYAKING.


IL NOSTRO PROGETTO È DI RICERCARE E PROVARE I MIGLIORI E PIÙ RESISTENTI MATERIALI PER VOI, L'OBIETTIVO È DI SCOPRIRE, IMPARARE E CONDIVIDERE. VI INVITIAMO A CONDIVIDERE LE VOSTRE OPINIONI SUL BLOG, SIAMO A DISPOSIZIONE PER OGNI GENERE DI DOMANDA SU TECNICA E MATERIALI, QUALE KAYAK FA PER ME? QUALE MISURA È LA PIÙ INDICATA PER IL MIO PESO? AMIAMO IL KAYAK E SIAMO QUI PER CERCARE INSIEME LA SOLUZIONE MIGLIORE PER LA VOSTRA ATTREZZATURA!

IL KAYAK È DIVERTIMENTO, TRA UN TEST E L'ALTRO VI PROPORREMO FILMATI, FOTO ED ARTICOLI DA TUTTO IL MONDO DEL KAYAK.




Tuesday, 3 May 2016

The New Old is the New Wave, Liquidlogic Braaap – Liquidlogic Mullet – Dagger Axiom (8.5) test - review



The New Old is the New Wave


Liquidlogic Braaap – Liquidlogic Mullet – Dagger Axiom (8.5)  test

Some of the main kayak manufacturers had the crazy idea to revisit old design concepts and they fished out what was very fashionable in the 90’s. Do you remember the RPM, Super Sport, Hurricane, Fly, DNA and the Gliss? Do you really think that time was over, out-of-date? And you’d have never ever seen those awkward shapes again, kind of inflated in the front and thinned in the stern?  Well, no!  The creative designers from Dagger, LiquidLogic, Jackson and even the good Corran Addison  renewed this concept according to today’s design standards (see volume, hull, ecc.) The result? Read on and your curiosity will be satisfied.




A preamble: I’d like to point out that all the impressions I got from the test described below are absolutely personal and the result of my personal way of paddling. I invite whoever to do his/her own test to draw his/her own conclusions.

The test has been done in two days by the Soca River along the stretch between Srpenica and the broken bridge (end of Slalom Course) with a medium flow (about 40cms).  This similar river flow allowed me to perceive all the differences as coming only from the boats I tested.

Braap and Mullet come in one size, I tried the Axiom 8.5 as more suited to my size (175cm – 70kgs).




Specs:

Braap
Mullet
Axiom 8.5
Length
271.8cm
274cm
259cm
Width
62.2cm
67cm
65cm
Volume
261L
269L
238L
Paddler weight
45-100kg
68-125kg
59-95kg
Boat weight (declared)
20kg
20.4kg
19kg



Liquid Logic - Braaap

First of all the name: it comes from the typical noise of the motocross throttle.  I suppose the LL crew had in mind to design something super fast with high acceleration. The true designer: Pat Keller. His first baby after being a full time LL employed, a real top paddler. He was a former Team Dagger member and he used the RPM as the starting point for this new development. That’s basically the 2.0 version, long awaited by several people. The definition mostly found on the web, which I totally agree, is a high-performance slalom creeker. Basically our friend Pat tried to review the river running/creeking concept in a funnier  way, high speed in and out of the eddy in a slalom-kind, by exploiting the low volume stern, but at the same time  very good boof capability thanks to the considerable bow rocker.  I’d say an extremely interesting concept which could reset the way to run rivers for somebody.


But I stop here my philosophize about river running, I’m available for further clarifications off-line.   The hull, as you can see from the picture taken from the side, shows quite a high and big bow which gives the impression of  going over everything. The stern has a fairly good volume until the handle then it gradually thins and gets narrow, but the interesting part is that it rises as it moves towards the end of approximately 30° in order to avoid snapping in very rough water. The bottom is just like a slalom boat, without rails, flat, but with rounded edges.   



In the water: first impression shows a very unstable boat due to the width of just 62cm and the roundness of the bottom side, but it accelerates like a rocket, I think the fastest plastic boat in this segment  I ever tried.  Sitting is extremely comfortable, LL style, the “bad-ass” works perfectly. I can sit with my creek shoes easily and that’s makes it very safe during any run. Hence, super fast, it turns on a dime, very funny to drive, like a real slalom boat using the stern to quickly restart from the eddy. Where the water is rougher (Soca slalom course) you need to carefully work with the hips to accommodate lateral flows otherwise the wide stern surface suffers shifts quite difficult to recover.



To summarize, a very interesting and very technical boat, in my opinion not too beginner-oriented even if the eskimo roll is extremely easy,  immediately good until class III/IV WW descents, beyond you need a good technical skill and to be used to this kind of boat. Paddler weight, although one size, more in the “M” segment, it’s well suited from medium-light to medium-heavy people.





PRO:
Speed, comfort, weight (light), maneuverability, super boof, funny, versatility, easy roll.

CONS:
stability, one size, above class IV only for skilled paddlers.




Liquid Logic - Mullet

Only a few months after the Braaap, here’s the Mullet which – to continue the odd names series – identifies a typical 80’s haircut with a big tuft in the front, a long tail in the back and shaven on the sides, cool! (or terrible)


At a first glance it could seem a small modification of Braaap mold and also sizes seem to confirm this impression, but it’s actually a different boat even if they share the slalom-type hull design.  Even in this case one size fits all, but the paddler weight range shifts a bit towards the medium-medium heavy. The specs tell about up to 125kgs. 




If the Braaap is a high preformance slalom creeker, the Mullet becomes a perfect  down river play boat. Its volume (only 2 gallons more than the Braaap) is redistributed towards the bow and around the cockpit  at the expense of the tail, shorter and thinner, to make all those oldskool moves like enders, slices, squirts, rock splats, ecc easy and funny.   


Hence, like the bow and stern stickers say  business in front and party in the back,  we can find a prominent bow which allows an easy and safe drive even in the turbulence and it gets out safely. With the stern, party! Play time! Personally I found it a bit strange, not outright and on the more challenging slalom course stretch I found it a bit more difficult to drive, perhaps I’m towards the lower limit from a weight standpoint, who has 10-15kgs more than me will be able to control it a lot more easily.   




All in all an interesting boat, super stable, surf like crazy and very comfortable. You probably need to use it multiple times to fully enjoy it.



PRO:
Pure fun, comfortable, stable, fast, manoeuvrable 

CONS:
It doesn’t completely hold the line, need to get used to it , one size




Dagger – Axiom 8.5



And finally to close the loop here’s the Dagger  Axiom 8.5. Not a newbie,  on contrary after a few years on the market it’s surely a best-seller and moreover the first “old school boat” of its kind with a modern twist. I will not talk at length about too many details, by now we have been seeing it for more than 5 years,  but I’ll try to describe my impressions while paddling it especially in comparison with the Braaap, as they apparently share the same wavelength and attitude.



From the outside we can immediately notice a lower total volume than the Braaap, at least for the 8.5 version I tested. (As a reminder, Axiom comes in 4 sizes: 6.9, 8.0, 8.5 e 9.0, respectively kids, S, M e L). We could easily say that the Braaap is in between the 8.5 and the 9.0 volume-wise. Another tangible difference is the hull where you can see evident rails on all its length, then it’s slightly wider and shorter. 


The bow doesn’t show a very pronounced rocker.  A “river cruiser” this is the definition from the designer Mark “Snowy” Robertson, placing it in between the Mamba and a playboat.  In the water  you can immediately feel its stability, its acceleration and its speed. It turns like a slalom boat and during the easier class II-III stretch I can fully enjoy getting in and out the eddies at full speed using its rails to carve side-to-side.

You can then play with the stern and “slice” it down the water only when required, otherwise it’s neutral without any unwanted snap.  You can easily pull enders, rock splat, squirts and enjoy surfing.   

When things get more serious it’s predictable and easy to lead. It rather gives you a feeling of boldness which pushes you to dare with no fear. In turbulent water by moving the hips properly you can get on safely and you can quickly correct mistakes if pushed off line.

I’d say that it’s suitable for either big volume rivers or for steep creeking generally not above class IV+ for most paddlers. For sure some of top paddlers out there can push the limit further. 



Very good feelings with this Axiom , even because it’s really suited for my weight and hence I can maneuver with the right strength. Easy and quick rolling, easy to lead it’s also suitable for newbies.


PRO:
fast, stable, easy and fun to use, comfortable, 4 sizes (for a wide range of paddlers)

CONS:
not extremely light ((River version, with Contour Ergo Outfitting), not as good as Braaap in boofing but ok.




Beppe Caramella



The New Old is the New Wave


Liquidlogic Braaap – Liquidlogic Mullet – Dagger Axiom (8.5)  test

Alcuni tra I maggiori produttori di kayak hanno deciso di rivisitare antichi concetti di design  andando a ripescare ciò che negli anni 90 era molto in voga. Ricordate le RPM, Super Sport, Hurricane, Fly, DNA e Gliss? Pensavate che quei tempi erano ormai finiti,  superati? E che mai e poi mai si sarebbero riviste quelle forme un po’ sgraziate, gonfie davanti e assottigliate in coda?  Ebbene no!  I creativi designer di Dagger, LiquidLogic, Jackson, finanche il buon Corran Addison hanno ripreso il concetto e lo hanno reso attuale secondo i canoni progettuali odierni, vedi volumi, fondo,  ecc. Il risultato? Continua a leggere e la tua curiosità sarà soddisfatta.




Premessa: tengo a precisare che le impressioni che ho ricavato dal test descritto qui di seguito, sono assolutamente personali, frutto del mio personale modo di pagaiare. Invito chiunque ad effettuare il proprio test per trarre le proprie conclusioni.



Il test è stato effettuato in due giorni presso il fiume Soca e nel tratto Srpenica-ponte rotto (fine del campo slalom) con un livello medio (circa 40cms). Le medesime condizioni del fiume mi hanno aiutato a percepire le differenze come provenienti soltanto dalle barche che ho provato.




Braap e Mullet sono in taglia unica, ho invece provato la Axiom 8.5 in quanto più adatta alla mia taglia (175cm 70kg)

Specifiche:


Braap
Mullet
Axiom 8.5
Lunghezza
271.8cm
274cm
259cm
Larghezza
62.2cm
67cm
65cm
Volume
261L
269L
238L
Peso canoista
45-100kg
68-125kg
59-95kg
Peso canoa (dichiarato)
20kg
20.4kg
19kg



Liquid Logic - Braaap

Innanzitutto il nome: proviene dal rumore che si ottiene accelerando una moto da cross, ricordate il Fantic Caballero? Immagino che in LL avessero in mente di disegnare qualcosa di super veloce che accelerasse tanto. Il designer: Pat Keller. Il suo primo nato dopo che è un impiegato full time in LL, un top paddler assoluto. Per anni nel team Dagger ha utilizzato la RPM come base di partenza per questo nuovo sviluppo e ne è uscita la versione 2.0 attesa da parecchia gente.  

La definizione che si trova in rete, confermata dal sottoscritto è una high-performance slalom creeker. Quindi in pratica, hanno cercato di rivedere il concetto di river running/creeking in un modo più divertente, alta velocità di entrata e uscita dalle morte alla “slalom-maniera” in contropancia grazie alla coda scarica, ma allo stesso tempo ottima capacità di boof e buon galleggiamento grazie alla punta voluminosa e con rocker pronunciato. Direi un concetto estremamente interessante che potrebbe rivedere per alcuni il proprio modo di scendere i torrenti. Ma mi fermo qui, non vorrei disquisire troppo di filosofia del river running. Come si dice in questi casi a disposizione per ulteriori chiarimenti off-line.

Lo scafo, come si vede dalle foto di lato, evidenzia una punta piuttosto voluminosa e rialzata e che dà l’impressione di andare sopra tutto. La coda presenta un discreto volume fino alla maniglia poi via via si assottiglia e si stringe, ma la parte interessante è che si alza mano mano che si va verso l’estremità di circa 30° in modo da evitare che venga pizzicata troppo in acque turbolente. Il fondo ricorda le barche da slalom, senza rail e piatto, ma coi fianchi arrotondati. In acqua: prima impressione è una sensazione di instabilità dovuta alla larghezza dello scafo di solo 62cm e alla rotondità della zona laterale del fondo, ma accelera come un missile, credo la barca in plastica più veloce di questo genere che abbia mai provato. La seduta è molto comoda, stile LL, il “bad-ass” fa il suo dovere. Dentro si sta comodamente con le scarpe da creek e questo la rende sicura per qualsiasi discesa. 

Quindi, veloce, gira benissimo, molto divertente nel scendere prendendo le morte stile slalom, buttando sotto leggermente la coda per ripartire di slancio, dove l’acqua è più turbolenta (campo slalom) va “lavorata” con i fianchi per assecondare i flussi laterali altrimenti l’ampia superficie della coda subisce spostamenti difficili da recuperare. Riassumendo, barca molto interessante, tecnica e a mio parere non troppo adatta ai principianti anche se l’eskimo è molto facile, buona subito per discese fino al III/IV grado, oltre necessita un buon livello tecnico e un’abitudine al tipo di barca. Peso canoista, pur essendo una misura unica più nel segmento delle “medie”, quindi adatta  sia per pesi medio leggeri che medio massimi.

PRO:
velocità, comfort, peso (light), manovrabilità, ottimo boof, divertente, versatilità, facile eskimo

CONS:
stabilità, misura unica, sopra il IV grado solo per abili pagaiatori


Liquid Logic - Mullet

Pochissimi mesi dopo la Braaap, ecco la Mullet  che, per continuare la serie dei nomi strani, identifica una pettinatura tipo anni ’80 con ciuffone davanti, lunga coda dietro e rasato sui lati, cool! (o atroce).  A prima vista può sembrare una piccola modifica allo stampo della Braaap e le misure sembrano pure confermare questa impressione, in realtà è un’altra barca anche se condividono il design del fondo tipo slalom.  

Anche in questo caso misura unica, ma il range di peso per il canoista si sposta verso il medio-medio massimo. Si dice fino addirittura 125kg. Se la Braaap si definisce high preformance slalom creeker, la Mullet diventa una perfetta down river play boat. Il volume (solo 2 galloni in più di differenza con la Braaap) è ridistribuito verso la punta e intorno al pozzetto a discapito della coda, più corta e più “sfinata” per agevolare tutte le manovre da playboat un po’ “old school” tipo perni di coda, rock splat, ecc.


Quindi, come dicono gli adesivi posti in punta e coda, business davanti e party dietro, si evidenzia una parte anteriore importante che permette una guida agevole anche in zone turbolente ed esce tranquillamente da tutto. Con la coda invece, festa! Si gioca! Personalmente l’ho trovata una barca strana, non immediata e sul tratto più impegnativo del campo slalom un po’ difficile da controllare, forse sono al limite minimo del peso. Chi avesse 10-15kg in più di me potrà sicuramente manovrarla  più agevolmente. Comunque tutto sommato super stabile, ottima nel surf, e molto comoda. Da usare più volte per capirla appieno.



PRO:
puro divertimento, comfort, stabile, veloce, manovrabile

CONS:
non estremamente direzionale, bisogna abituarsi, misura unica



Dagger – Axiom 8.5

E infine per chiudere il cerchio ecco la Axiom 8.5. Non una novità, anzi dopo qualche anno è sicuramente un best-seller e tra l’altro la prima del genere delle “old school boat” rivisitate in chiave moderna. Non mi dilungherò troppo in descrizioni dettagliate, ormai la vediamo da più di 5 stagioni, ma cercherò di descrivere le mie impressioni pagaiandola in confronto soprattutto con la Braap, visto che apparentemente e per vocazione sono più sulla stessa lunghezza d’onda. 



Esteticamente notiamo subito un volume totale inferiore rispetto alla Braaap, almeno per la versione 8.5 da me testata. (Ricordo che la Axiom è presente con 4 misure: 6.9, 8.0, 8.5 e 9.0, rispettivamente bambino, S, M e L). Potremmo tranquillamente dire che la Braaap è in mezzo tra la 8.5 e la 9.0 in termini di volume. Altra differenza tangibile è il fondo. Axiom presenta dei rail evidenti per tutta la sua lunghezza, poi è leggermente più larga e corta. La punta non ha un rocker molto pronunciato. Un “river cruiser” così il designer Mark “Snowy” Robertson la definisce ponendola di fatto a metà tra la Mamba e una playboat. 

In acqua dà immediatamente un impressione di stabilità notevole, di accelerazione e di velocità. Gira come una slalom e la discesa nel tratto più semplice (II-III°) mi riserva un piacere ragguardevole nel prendere morte e rientrare in corrente in velocità sfruttando i rail per “carvare” da un lato all’altro del fiume. La coda va sotto solo se decisamente spinta in contropancia altrimenti resta neutrale e non viene “pizzicata”. Divertente nei rock splat, candele, perni di coda e surf. Nella parte più impegnativa si lascia condurre docilmente senza riservare sorprese strane. Anzi, ti dona una sensazione di sicurezza che ti spinge ad osare senza timore. Nella turbolenza più intensa, agevolando il fianco con giustezza permette di passare indenne e comunque si corregge agevolmente se spinta fuori linea. Direi adatta sia sui fiumi di volume che sui torrenti manovrieri in genere non oltre il IV+ per la maggior parte dei canoisti. Sicuramente qualche top paddler si può spingere anche oltre.



Ottime sensazioni questa Axiom , forse anche perché è giusta giusta per il mio peso quindi la posso manovrare con maggior decisione. Eskimo semplice e rapido, di facile conduzione è adatta anche ai principianti.

PRO:
veloce, stabile, facile e divertente da usare, comoda, 4 misure (soddisfano ampio range di canoisti)

CONS:
non leggerissima (versione River, con Contour Ergo Outfitting), non “boofa” come la Braaap, ma sufficiente.




 
Beppe Caramella


No comments:

Post a comment